Campagne di sensibilizzazione ed esperienze di realtà virtuale

Campagne di sensibilizzazione ed esperienze di realtà virtuale

La nostra esperienza VR per Fidas

Realtà virtuale non significa scollamento dalla vita di tutti i giorni o alienazione da quelle che sono le esigenze della società. La VR è anche uno strumento di comunicazione e, come tale, può diventare centrale nelle campagne di sensibilizzazione. È con questa consapevolezza che è nato il nostro progetto per Fidas. Negli ultimi mesi abbiamo collaborato per creare un'esperienza capace di coinvolgere le future generazioni di donatori di sangue. Abbiamo puntato sulla gamification per parlare a bambini, adolescenti e giovani; per raccontare loro una delle urgenze a cui il Sistema Sanitario Nazionale deve quotidianamente far fronte.

 

Nuovi linguaggi per la promozione nel sociale

Dal 1959, Fidas mette in campo tutti i suoi sforzi per promuovere e gestire le donazioni di sangue. Lo sforzo adoperato nella sensibilizzazione dei più giovani è un vero e proprio investimento sul futuro. Anche nel sociale, però, la comunicazione deve fare i conti con i cambiamenti. Il linguaggio e i mezzi più efficaci per arrivare a un certo target si trasformano. La realtà virtuale offre, oggi, un ventaglio di opportunità per conoscere il mondo e per raccontare i problemi che influiscono sulla vita di tutti noi. La sua efficacia nel trasmettere messaggi è stata immediatamente recepita da Fidas che ha chiesto il nostro contributo per realizzare un'esperienza mirata. L'obiettivo? Aumentare la consapevolezza delle generazioni Z e Alpha sull'importanza di donare il sangue.

La gamification alla base del nostro progetto per Fidas

Quel che ci è parso chiaro fin da subito è la sensibilità che bambini e adolescenti hanno verso le dinamiche di gaming. Abbiamo, quindi, costruito un'esperienza che potesse trasmettere il senso di urgenza della donazione. Abbiamo realizzato una mondo virtuale aderente a quello reale, una dimensione in cui ospedali e centri sanitari richiedono costantemente sacche di sangue. Indossato il visore, il gamer viene messo al centro di un piccolo universo colorato. Attorno a lei o a lui gravitano gli hub sanitari. Il compito è quello di “sparare” nella giusta direzione i bussolotti di sangue per far fronte alle emergenze che sempre più rapidamente si susseguono.

FIDAS IMG

La VR per il marketing delle iniziative sociali

Prontezza di riflessi e rapidità, senso dello spazio e precisione: l'esperienza tocca le corde dei più fortunati videogame. Lo fa in modo immersivo e senza perdere di vista l'obiettivo principale: sensibilizzare i più giovani verso la donazione. Gli stessi aspetti grafici sono stati curati in modo da creare un ambiente virtuale quanto più inclusivo e capace di superare le tendenze. Sulla falsa riga di giochi cult come Mario Bros, abbiamo puntato su quella semplicità apprezzata trasversalmente. In altre parole, ci siamo orientati verso un target quanto più esteso possibile per trasmettere i valori che Fidas cerca di promuovere da oltre sessant'anni.

 

Contattaci per sapere di più su quest'esperienza o sulle possibilità offerte dalla VR.

Richiedi una prima consulenza gratuita

 

 

Pubblicato il 8 dicembre 2021