Facebook Connect: cosa aspettarsi dell'evento VR dell'anno

Il 16 settembre alle 19 (ore 10 americane) si terrà la settimana edizione dell’Oculus Connect, l’evento annuale di casa Facebook dedicato alle novità in ambito realtà virtuale che, come abbiamo visto in questo articolo, da quest’anno cambia nome in Facebook Connect. Una scelta, quella dell’azienda californiana, che punta a riunire sotto un unico cappello (quello di Facebook) tutte le attività in ambito VR e AR.

Quando nel 2014 Facebook ha acquistato (nda. per 2 miliardi di dollari) Oculus, produttore di visori di realtà virtuale, il CEO del social network, Mark Zuckerberg, ha annunciato che l’azienda avrebbe lavorato per creare “la prossima grande piattaforma informatica, capace di cambiare il modo in cui lavoriamo, giochiamo e comunichiamo”.

Sei anni dopo Facebook non ha smesso di scommettere su VR e AR e sono moltissimi gli sviluppi fatti dall’azienda negli ultimi mesi. L’evento online presenterà infatti il lavoro di Facebook Reality Labs, il team AR / VR dell’azienda. La conferenza può essere seguita in diretta sulla pagina Facebook di Facebook Reality Labs o tramite Oculus Venues, chiaramente in realtà virtuale.

Si parlerà dell’evoluzione della tecnologia in questi mesi e di come la pandemia abbia aumentato la consapevolezza e l’interesse nell’adozione della VR, non solo da parte dei consumatori, ma anche delle imprese.

Ma ecco cosa possiamo aspettarci:

Oculus Quest 2

Ormai è quasi certo che a breve Facebook rilascerà una nuova versione di Oculus Quest e a comunicarlo, come è solito fare, potrebbe essere proprio il CEO dell’azienda, Mark Zuckerberg.
Un visore che, oltre ad essere più leggero, offre prestazioni e risoluzione migliori, ad un prezzo di lancio che potrebbe essere addirittura inferiore a quello dell’attuale Oculus Quest, per facilitare la diffusione della tecnologia.

Social VR

Facebook sta puntando ad una virtual reality sempre più social, un mondo espanso della sua piattaforma principale nel quale le persone potranno connettersi, incontrarsi, giocare in modi sempre più simili alla realtà. E lo fa anche in previsione del lancio di Facebook Horizon, un vero e proprio social word nel quale gli utenti, attraverso un avatar, possono interagire e dare vita al loro mondo virtuale. L’azienda capitanata da Zuckerberg intende rendere la VR e la celebre piattaforma social sempre più integrati, al punto che per accedere al mondo VR sarà necessario usare il proprio account Facebook.

Questo aggiornamento mette in chiaro una cosa importante: sarà Facebook Inc. (e non più Oculus, anche nota come Facebook Technologies) a gestire i dati degli utenti VR e, di conseguenza, anche tutte le decisioni riguardanti l’uso, l’elaborazione, il mantenimento e la condivisione di questi dati, con l’obiettivo di migliorare l’esperienza degli utenti e si, anche di creare annunci sempre più personalizzati. In questo modo Facebook saprà quali app VR l’utente utilizza, chi sono i suoi amici, i suoi interessi e tutte le informazioni ricavate dalle attività svolte sia sul social che nel mondo VR. E quest’argomento potrebbe essere oggetto di dibattito durante la conferenza.

 

Qui sotto la scaletta dell’evento nel dettaglio (orario americano)

10:00 AM – 11:50 AM – Keynote
12:00 PM – 12:50 PM – Developer Super Session
12:54 PM – 1:07 PM – VR Storytelling: A Magical New Format
1:12 PM – 1:51 PM – Creating Live Performances in Social VR
1:58 PM – 2:07 PM – Designing Live Media Experiences for Social VR
2:12 PM – 2:44 PM – Diverse Voices: Increasing Diversity and Accessibility in Development
2:48 PM – 3:19 PM – Onward! Porting from PC VR to Quest
3:26 PM – 3:39 PM – Big in Japan: Best Practices for Japanese Developers
3:44 PM – 4:22 PM – The State of Social Impact VR
4:26 PM – 5:05 PM – Come to Your Senses: Synesthesia in VR
5:30 PM – 6:30 PM – John Carmack Unscripted
7:00 PM – 8:00 PM – Jaden Smith Live

Pubblicato il 16 Settembre 2020