VR for marketing

Un viaggio sensoriale alla scoperta dell’Aceto Balsamico di Modena IGP, un mondo molto più antico di quello che si può immaginare. Un’esperienza che inizia dall’acetaia e si trasforma grazie alla capacità dei modenesi di tramandare un’arte secolare. Perché il segreto dell’Aceto Balsamico di Modena è… di Modena.

Il progetto

Questo progetto nasce dal bisogno di chi, tutti i giorni, si occupa di tutelare l’originalità di un prodotto dalle caratteristiche uniche al mondo. E’ il Consorzio Aceto Balsamico di Modena il committente, un’aggregazione di imprese volontaria, che coordina e regola le iniziative comuni alla salvaguardia della qualità di un prodotto d’eccellenza del Made in Italy. E’ da questo obiettivo di tutela che si sviluppa il progetto in realtà virtuale, capace di trasferire i valori identificativi ma soprattutto distintivi del prodotto, aiutando il grande pubblico di tutto il mondo a saper apprezzare, riconosce e cercare il vero Aceto Balsamico di Modena IGP.

Cliente: Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena

Tipologia di progetto: Applicazione VR – Unity

Ambito: VR for marketing

Vantaggi e risultati:
– Esperienza impossibile nella realtà
– Massimo engagment
– Messaggio one to one
– Scalabilità e diffusione in linea con gli sviluppi esteri
– Strumento di comunicazione non convenzionale
– Messaggio di gruppo corale e distintivo
– Degustazioni on the go facili da organizzare in ogni luogo

  • ABM_Screen9
  • ABM_Screen6
  • ABM_Screen5
  • ABM_Screen1
  • ABM_Screen4
1/

Discover: la fase di analisi

Tutto è nato da un’approfondita fase di analisi degli obiettivi di tutela e promozione del Consorzio Aceto Balsamico di Modena IGP. Conoscere il cliente e capire come si muove, cercando di valorizzare il suo investimento, è stato di fondamentale importanza per la nascita di un concept creativo coerente con il brand e le sue dinamiche di posizionamento. Ecco come siamo riusciti ad individuare un progetto che va oltre la tecnologia e che si inserisce in modo integrato nelle tante azioni strategiche e tattiche che il Consorzio persegue in ogni sua attività. Riconoscibilità del prodotto, emozionalità d’utilizzo, internazionalizzazione e messaggio di gruppo per le 51 acetaie consorziate.

Design: la fase d’ideazione

Dall’analisi alla risoluzione di un problema; sul mercato esistono tanti prodotti cosiddetti “balsamici” e tanti di questi imitano volutamente, e in modo esasperato, il prodotto Modenese, generando disorientamento nel consumatore. Considerando i volumi e gli sviluppi esteri relativi all’esportazione del prodotto e riflettendo sul fatto che i consumatori stranieri, rispetto agli italiani, faticano a riconoscere l’Aceto Balsamico di Modena IGP, siamo arrivati ad elaborare il concept creativo.
L’esperienza VR immerge chi la vive in una degustazione virtuale che gli consentirà di scoprire i segreti di un prodotto unico al mondo e di capire il perché è Modena ad aver ricevuto il riconoscimento IGP. Un viaggio interattivo all’interno di un’acetaia modenese che si sviluppa su tre livelli (visivo, gustativo e olfattivo) e che consente alla persona di fissare tutte le caratteristiche distintive del prodotto, per riconoscerlo durante l’acquisto. Durante l’esperienza sarà presente un ancoraggio fisico, rappresentato da un bicchiere contenente Aceto Balsamico di Modena IGP, che amplifica le emozioni attraverso olfatto e gusto, imprimendo così un ricordo memorabile.

Develop: la fase di sviluppo

Le necessità di trasportabilità dell’esperienza hanno indirizzato lo sviluppo su un’applicazione per Oculus Go, visore stand alone dall’uso pratico e immediato. Un’applicazione Unity che immerge il player in un ambiente 3D, ricreato prendendo a riferimento alcune delle più importanti acetaie del modenese. I numerosi asset 3D, tra cui le botti, le bottiglie di Aceto, il plastico di Modena e il bacile di mosto cotto, sono stati animati e sonorizzati in modo da trasportare l’utente in un piacevole ma dinamico percorso sensoriale. Il tutto è stato pensato e ottimizzato in modo da non sovraccaricare l’hardware.

Distribute: la fase di diffusione

Quest’esperienza, dall’approccio “one to one”, verrà presentata ufficialmente in occasione della fiera internazionale CIBUS. Un’iniziativa ingaggiante ma al tempo stesso funzionale perché coerente e scalabile con gli obiettivi di sviluppo internazionale. In ogni luogo sarà possibile, con un visore, portare le persone in acetaia per una degustazione virtuale unica. Inoltre, ogni acetaia consorziata verrà dotata dei dispositivi hardware per accogliere durante gli eventi “acetaie aperte” i tanti visitatori con un messaggio di gruppo, per un brand territoriale forte e coeso come sono gli abitanti di Modena.