Come organizzare un meeting in realtà virtuale

Una riunione in realtà virtuale? È possibile ed esistono strumenti (gratuiti) già pronti per essere testati. Possono aiutarci a fronteggiare le difficoltà date dalla distanza e l’assenza di presenza.

 

Meeting, eventi, riunioni, strette di mano: prima dello scoppio dell’emergenza Covid-19 tutti noi eravamo abituati a dare per scontato il rapporto umano, anche nella gestione del nostro lavoro quotidiano. In meno di due settimane, ci siamo ritrovati isolati e destabilizzati: appuntamenti annullati, aziende chiuse, persone a casa. Per gestire il contatto a distanza abbiamo riscoperto le videochiamate, Skype, Slack, Hangouts, Drive e applicazioni sconosciute fino a pochi giorni fa; strumenti che sono sempre stati a nostra disposizione ma che in una frenetica quotidianità, fatta di costanti rapporti interpersonali, sono sempre stati sottovalutati. Nonostante l’efficacia di questi strumenti però c’è qualcosa che ci manca e questa cosa è la presenza.

Cosa succederebbe se quell’appuntamento così importante venisse programmato con un incontro virtuale? Un incontro nel quale non solo possiamo parlare ma anche interagire, condividere immagini, slide, video, impressioni, proprio come se fossimo li? Futuristico? No, esistono tecnologie e applicazioni che rendono tutto questo già possibile e forse è arrivato il momento di scoprirle. Come altri strumenti possono aiutarci non solo a fronteggiare l’emergenza, ma anche ad ottimizzare il nostro lavoro in futuro.

Ecco alcuni esempi.

 

AltspaceVR è un’applicazione VR che consente di comunicare in ambiente virtuali con altre persone. La sua potenza sta nella capacità di organizzare e partecipare a dei veri e propri eventi virtuali come spettacoli dal vivo, lezioni e speech di qualsiasi genere. Una sorta di applicazione webinar in versione VR. Ogni persona ha la possibilità di creare la propria “stanza” privata, un ambiente nel quale, grazie ad un codice univoco, è possibile invitare altri partecipanti.
AltspaceVR è disponibile può essere utilizzata con un visore Oculus Go, Oculus Quest e Oculus Rift S. Basterà indossare il visore, accedere all’Oculus Store, scaricare l’applicazione e seguire le indicazioni fornite.

 

BigScreenVR viene definita lo “Skype versione VR”. Consente di trovarsi con un massimo di 10 persone in un ambiente virtuale privato nel quale è possibile comunicare (sentendo la voce di ognuno dei partecipanti) e condividere lo schermo del proprio pc (e quindi presentazioni, video, ricerche web), per commentare o segnare degli appunti. In questo modo è possibile organizzare delle vere e proprie riunioni virtuali. Ma l’applicazione consente anche di visionare film e serie tv in compagnia.
BigScreen VR è disponibile per Oculus Go, Oculus Quest e Oculus Rift (solo quest’ultimo, essendo collegato al pc permette la condivisione dello schermo).

E voi li avete provati?

Pubblicato il 20 Marzo 2020